• Bentornato su SardegnaIsland

Tennis Notizie

Rispondi
Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 10299
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 7 times
Been thanked: 1 time
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Tennis Notizie

Messaggio da skywalker » 05/08/2018, 10:41

Tennis, Fognini vince in Messico: battuto in finale Del Potro

Immagine

CABO DEL MAR (Messico) - Prosegue in Messico l'ottimo momento del tennis azzurro. Per la terza settimana consecutiva (quindici giorni fa Fognini a Bastad e Cecchinato a Umago, domenica scorsa Berrettini a Gstaad) c'è la firma di un italiano su un torneo Atp. Fabio Fognini ha vinto l'"Abierto Mexicano de Tenis Mifel", torneo Atp 250 dotato di un montepremi di 637.395 dollari che si è concluso sul cemento di Cabo del Mar, in Messico. In finale il 31enne di Arma di Taggia, numero 15 Atp e seconda testa di serie, ha battuto 6-4 6-2, in un'ora e 19 minuti di gioco, l'argentino Juan Martin Del Potro, numero 4 del mondo e primo favorito del tabellone, quest'anno vincitore ad Acapulco e del Masters di Indian Wells. Un successo pesante quello di Fognini, l'ultimo azzurro a battere un top-five in una finale Atp era stato infatti Omar Camporese a Rotterdam nel 1991 (Ivan Lendl).
Salgono a sei i titoli vinti dagli azzurri in questa stagione nel circuito maschile.

Per Fognini - che in questo torneo ha sfoggiato una singolare quanto originale acconciatura con le treccine, dovuta a una scommessa persa con il suo preparatore atletico sul campo da golf - è il terzo titolo di questo 2018 dopo quelli conquistati a San Paolo ed a Bastad, l'ottavo complessivo su 17 finali disputate, il primo in assoluto sul cemento (l'ultimo italiano a vincere un titolo sul cemento all'aperto era stato Davide Sanguinetti a Delray Beach nel 2002). Da domani Fognini tornerà al numero 14 Atp, a un passo soltanto dal suo best ranking (numero 13, datato 31 marzo 2014). "Juan Martin è un gran giocatore, ci conosciamo fin da piccoli e dopo tutti i problemi che ha avuto è bello che sia di nuovo fortissimo - le parole di Fognini al termine dell'incontro - Non ero io il favorito e sono davvero contento di aver vinto qui".


Il tennista di Arma di Taggia si è detto "soddisfatto per come il mio gioco è migliorato nel corso della settimana. Aver vinto contro un giocatore come lui mi dà molta carica perchè ho sempre saputo che sarei riuscito a batterlo prima o poi. Era uno degli obiettivi della mia carriera riuscire a vincere un torneo sul veloce e riuscire a farlo superando in finale un top-player. Sono davvero felice", ha concluso Fognini, annunciando che al prossimo torneo di Toronto lui e Del Potro giocheranno il doppio insieme.


Immagine


Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 10299
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 7 times
Been thanked: 1 time
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Tennis Notizie

Messaggio da skywalker » 14/07/2019, 19:54

Tennis, Wimbledon: Halep è la regina. Serena Williams si arrende in finale

Immagine

La romena chiude 6-2, 6-2 in 56' dopo una gara tatticamente perfetta

C’è una nuova regina in giro: Simona Halep. Si è presa Wimbledon 2019 senza fronzoli, in modo impeccabile. Per Serena Williams il 24° Slam, quello dell’aggancio a Margaret Court, resta tabù. L’australiana può continuare a dormire sonni tranquilli, almeno fino agli US Open.

Complimenti vivissimi alla 27enne romena, che fa meglio del suo leggendario connazionale IlieNastase, che giocò, ma perdendole, due finali.Halep ha giocato una partita praticamente perfetta: solida, concentrata. Non ha mai regalato nulla, all’americana. Nel primo set, per dire, ha concesso soltanto due errori, con un abbrivio di 4-0 che ha letteralmente stroncato Serena Williams, mandandola in confusione. Non che non abbia cercato di reagire, la povera Serena: ma la romena era in palla, in stato di grazia, e davvero ha corso su ogni palla. Tanto da impedire alla 37enne un qualsiasi piano tattico alternativo, in modo che le potesse offrire una speranza.

Non era l’esito che la gente si aspettava: tutti immaginavano che ad alzare il trofeo fosse Serena, non quella Simona che per essere competitiva accettò di farsi ridurre il seno. Per lei è il secondo Slam, dopo Parigi del 2018. Vanta un’altra finale, persa, agli Australian Open dell’anno scorso. Ora nel le resta che Flushing Meadows, ma non prima di aver assorbito l’emozione di un Wimbledon vinto con regale autorità: 6-2, 6-2 in meno di un’ora: precisamente cinquantasei minuti.
Immagine


Rispondi

Torna a “Sport Tennis”