• Bentornato su SardegnaIsland

Aglientu (SS)

Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 13164
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 9 times
Been thanked: 1 time
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Aglientu (SS)

Messaggio da skywalker » 20/06/2018, 9:32

Aglientu (Santu Francìscu di l'Aglièntu in gallurese), è un comune di 1 234 abitanti della provincia di Sassari, nella subregione storica della Gallura.

Immagine

Territorio
È situato nell'immediato entroterra a pochi chilometri dal mare, arroccato a 420 m su delle colline granitiche.


Immagine


Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 13164
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 9 times
Been thanked: 1 time
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Re: Aglientu (SS)

Messaggio da skywalker » 20/06/2018, 9:32

Storia
Il nome di Aglientu deriverebbe da “Agliu” (bianco, vuoto) e le numerose ricorrenze nei toponimi dei dintorni lo confermerebbero: “Montiagliu”, “Agliacana”, “Frati Agli”; “Agliu”. Una differente ipotesi ne attribuisce l'origine alla semplificazione fonetica del termine “Alghjentu” (colore argento), comunque avente la medesima etimologia e già presente nella denominazione dello stazzo Alghjentu. Il centro urbano risale a poco più di un secolo fa ma nel periodo nuragico era certamente abitato come si deduce dai numerosi nuraghi presenti. In epoca romana era attraversato da una via che congiungeva Olbia a Porto Torres passando per Santa Teresa di Gallura.
Nel 1959 è diventato comune autonomo staccandosi da Tempio Pausania.
Immagine


Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 13164
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 9 times
Been thanked: 1 time
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Re: Aglientu (SS)

Messaggio da skywalker » 20/06/2018, 9:33

Immagine

Evoluzione demografica
Immagine


Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 13164
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 9 times
Been thanked: 1 time
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Re: Aglientu (SS)

Messaggio da skywalker » 20/06/2018, 9:33

Immagine
Immagine


Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 13164
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 9 times
Been thanked: 1 time
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Re: Aglientu (SS)

Messaggio da skywalker » 20/06/2018, 9:34

Lingua e dialetti
Il dialetto parlato ad Aglientu è il gallurese.

Etnie e minoranze straniere

Secondo i dati ISTAT la popolazione straniera residente al 31 dicembre 2010 era di 102 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Germania 36 2,97%
Romania 34 2,80%
Immagine


Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 13164
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 9 times
Been thanked: 1 time
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Re: Aglientu (SS)

Messaggio da skywalker » 20/06/2018, 9:34

Economia
È legata principalmente al turismo balneare. Sono praticati anche l'agricoltura, fra cui la produzione dei vini del disciplinare Vermentino di Gallura DOCG, e l'allevamento di bovini. È fiorente la produzione artigianale di pasta fresca, dolci e pane. Nel territorio sono presenti tre campeggi affacciati direttamente sulla costa oltre a vari villaggi turistici.
Immagine


Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 13164
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 9 times
Been thanked: 1 time
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Re: Aglientu (SS)

Messaggio da skywalker » 20/06/2018, 9:34

Amministrazione
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
20 novembre 1994 29 novembre 1998 Antonio Loriga lista civica Sindaco
29 novembre 1998 25 maggio 2003 Pietro Giorgioni lista civica Sindaco
25 maggio 2003 15 giugno 2008 Pietro Giorgioni lista civica di centro-destra Sindaco
15 giugno 2008 26 maggio 2013 Gabriela Battino lista civica "Insieme per Aglientu" Sindaco
27 maggio 2013 - Antonio Tirotto lista civica "Generazione Futura" Sindaco
Immagine


Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 13164
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 9 times
Been thanked: 1 time
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Re: Aglientu (SS)

Messaggio da skywalker » 20/06/2018, 9:35

Storia e Tradizioni di Aglientu
La presenza dell'uomo nel territorio di Aglientu ha origini antichissime, come testimoniano la scoperta di alcuni utensili litici, risalenti al neolitico antico e la presenza di numerosi nuraghi che si trovano nella fascia costiera che va da Portobello a Rena Majore.

Durante l'Impero Romano, Vignola era una stazione di fermata e di cambio animali lungo la strada Porto Torres - Santa Teresa, mentre nel Medioevo (epoca giudicale) in questo territorio sorgevano due villaggi oramai scomparsi.

La dominazione Aragonese e Spagnola (periodo 1421-1714) è rappresentata dalla Torre di Vignola, costruita durante il regno di Filippo II, come protezione contro i Saraceni.

L'attuale centro urbano di Aglientu nasce nel 1776 per volere di Carlo Emanuele III e Vittorio Amedeo III. La sua esistenza è legata alla chiesa dedicata a San Francesco d'Assisi, che Vittorio Amedeo III fece edificare, tra il 1774 ed il 1776, in ''Allentu''.

Dal 1777, quando un canonico di Tempio assunse la veste di parroco, la chiesa diventò luogo d'incontro in cui venivano officiate le normali attività sacramentali. Tra la fine del 1700 ed i primi del 1800, vicino alla chiesa nacquero le cosiddette cucine, costruzioni in cui, soprattutto la domenica, si svolgevano attività di carattere socio-economico e fieristico che affiancavano le cerimonie religiose. Per tutta la prima metà dell'ottocento, tuttavia, nonostante il moltiplicarsi dell'attività delle cucine, si costruisce solo qualche baracca, temporaneamente utilizzata dagli artigiani (sempre più numerosi) provenienti da Tempio. Solo verso il 1850 alcune famiglie facoltose cominciano a edificare delle case in cui soggiornano periodicamente.

Il capitolo di Tempio, in data 09/07/1859, delibera che la chiesa campestre di Aglientu, dedicata a San Francesco d'Assisi, diventi Parrocchia. Nella seconda metà dell'ottocento e dai primi del novecento, attorno alla chiesa, nasce un piccolo villaggio composto da tre cucine, due negozi, un mulino e le case di alcuni piccoli artigiani.
Il numero delle costruzioni aumenta solo gradatamente nella prima metà del novecento, in quanto continua ad affermarsi l'economia autarchica dei singoli stazzi.

Nel 1959 Aglientu diventa Comune autonomo da Tempio e, da questo momento in poi, inizia un periodo contraddistinto da una profonda trasformazione culturale in cui l'intelligenza e la capacità d'iniziativa degli abitanti, unite all'abilità delle amministrazioni locali, hanno permesso al piccolo centro di diventare ricco e vivace sia economicamente che politicamente. Attualmente vi si possono trovare tutti gli uffici ed i servizi di interesse pubblico, biblioteca, scuole ed impianti sportivi.

In primo piano oggi si colloca la riscoperta di un territorio fecondo di immense foreste di leccio e ginepro, di aspre montagne e rocce granitiche modellate dal vento, di un litorale (di 18 Km) ora sabbioso, ora ricco di anfratti ed insenature. Gli insediamenti turistici di Portobello, Rena Majore e Vignola non sono il frutto di una cementificazione selvaggia; il litorale difatti ha conosciuto uno sviluppo graduale di strutture ricettive, tra cui si ricordano i campeggi Tortuga, Saragosa e Marina delle Rose, immersi in un'incantevole cornice di pineta di fronte ad un mare pulito e pescoso. Nel 1960 la vecchia chiesetta campestre è stata demolita, al suo posto oggi ne sorge una tipicamente moderna, ampia luminosa e funzionale, con un originale fonte battesimale e la ''Via Crucis'', in ceramica, dello scultore Giuseppe Silecchia.
Immagine


Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 13164
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 9 times
Been thanked: 1 time
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Re: Aglientu (SS)

Messaggio da skywalker » 20/06/2018, 9:35

Aglientu offre in tutte le stagioni numerose feste popolari e religiose.

Verso la fine del mese di gennaio si festeggia San Paolo di Lu Laldu: in questa occasione, nella piccola chiesa di San Pancrazio, viene offerto a tutti i presenti un pranzo a base di carne e lardo.
Agli inizi del mese di febbraio viene celebrata la festa di San Biagio nell'omonima chiesetta campestre.
A metà maggio si svolge la festa popolare più sentita, dedicata a San Pancrazio.
Tra le sagre più importanti ricordiamo la celebre Sagra delle Saedas.Le saedas sono dei tipici dolci galluresi preparati a mano dalle donne e conditi con il miele di corbezzolo. Questa pietanza viene spesso degustata in associazione con il celebre moscato di Gallura.
Dal 1972 la pro loco organizza la nota ''festa del Turista'', una delle manifestazioni più importanti del Nord Sardegna, segno tangibile del forte senso di ospitalità della comunità locale verso i turisti e tutti coloro che visitano questa terra così ricca di cultura, bellezza e tradizione.
Immagine


Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 13164
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 9 times
Been thanked: 1 time
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Re: Aglientu (SS)

Messaggio da skywalker » 20/06/2018, 9:36

Itinerario Archeologico
La storia degli insediamenti umani nel territorio di Aglientu può essere ripercorsa visitando i monumenti archeologici tuttora presenti nei pressi del centro urbano. Disseminate su una superficie di 149 Kmq, troviamo le testimonianze di un lungo alternarsi di civiltà e dominazioni che vanno dai nuraghi Tuttusoni e Finucchjaglia, databili tra il 1800 ed il 1000 a. C., la torre di Vignola del 1606, costruita sotto il regno di Filippo II, durante la dominazione Aragonese e Spagnola, fino alle più recenti chiese campestri di San Pancrazio, San Biagio, San Giovanni e San Silverio.
Immagine


Rispondi

Torna a “Sardegna e i suoi paesi”