• Bentornato su SardegnaIsland

Primi piatti: Malloreddus al Pecorino

Rispondi
Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 13164
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 9 times
Been thanked: 1 time
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Primi piatti: Malloreddus al Pecorino

Messaggio da skywalker » 04/07/2018, 7:22

Immagine

I malloreddus sono uno dei piatti tipici Sardi sempre presente sulle tavole nelle occasioni più importanti: è un tipo di pasta che per la sua semplicità ben si presta ad essere accompagnato con i più svariati condimenti.

Vero e proprio vanto della tradizione sarda, il termine Malloreddus, derivante da Malloru che nel sud della Sardegna indica il toro, significa “vitellini” . Il nome Malloreddus probabilmente è stato associato a questo tipo di pasta dalla particolare forma panciuta che nell’immaginario dei pastori li faceva assomigliare a dei piccoli vitellini. -


Immagine


Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 13164
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 9 times
Been thanked: 1 time
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Re: Primi piatti: Malloreddus al Pecorino

Messaggio da skywalker » 04/07/2018, 7:23

Ingredienti
Pasta
malloreddus 400 gr
Pecorino
sardo fresco 350 gr
Pepe
nero macinato fresco abbondante
Sale
q.b. -
Immagine


Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 13164
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 9 times
Been thanked: 1 time
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Re: Primi piatti: Malloreddus al Pecorino

Messaggio da skywalker » 04/07/2018, 7:24

Immagine

Preparazione

Portate a bollore dell'acqua, che deve essere abbondante, salatela e versatevi i malloreddus (2). Mentre cuociono, grattugiate il formaggio, mettetelo in un recipiente e fatelo sciogliere a bagnomaria (3); -
Immagine


Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 13164
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 9 times
Been thanked: 1 time
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Re: Primi piatti: Malloreddus al Pecorino

Messaggio da skywalker » 04/07/2018, 7:25

Immagine

Mescolate con una frusta (4) in questo modo otterrete una crema liscia e senza grumi; dopodiché aggiungete lo zafferano in polvere (5) e stemperatelo per bene, mescolando con la spatola: in questo modo sarete sicuri che la polvere si amalgami per bene col formaggio (6).
Immagine


Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 13164
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 9 times
Been thanked: 1 time
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Re: Primi piatti: Malloreddus al Pecorino

Messaggio da skywalker » 04/07/2018, 7:25

Immagine

Scolate la pasta (8) e passatela direttamente nella padella con il condimento in modo da non scolare troppa acqua (8): in questo modo il formaggio diventerà più morbido. Dopo aver mescolate aggiungete il pepe nero macinato (o macinato fresco se preferite) (9) e lasciate insaporire qualche istante.
Immagine


Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 13164
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 9 times
Been thanked: 1 time
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Re: Primi piatti: Malloreddus al Pecorino

Messaggio da skywalker » 04/07/2018, 7:26

Immagine

Non appena gli gnocchetti saranno impregnati del sugo impiattate, e grattugiate ancora un po’ di formaggio per decorare. Servite subito e ancora ben caldi i malloreddus al pecorino!

Conservazione
Consumate i malloreddus al pecorino appena fatti, poiché il condimento raggruma in fretta. Si sconsiglia la congelazione.

Consiglio
La Sardegna risplende in questo piatto, per chiunque voglia renderlo ancora più sardo può aggiungere qualche strisciolina di prosciutto o di salame locali.

Curiosità
L’impasto utilizzato per ottenere i malloreddus, viene lavorato fino ad ottenere una pasta priva di rugosità,alla quale si dà la forma di bastoncino sottile, tagliato a piccoli tocchi che, fatti rotolare sul fondo di un canestro (ciuliri), assumono la forma ovale di conchiglia vuota, caratterizzata sul dorso da rilievi paralleli.
Immagine


Rispondi

Torna a “La cucina sarda”