• Bentornato su SardegnaIsland

Primi Piatti: Maloreddus Casu Furriau

Rispondi
Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 10971
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 8 times
Been thanked: 1 time
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Primi Piatti: Maloreddus Casu Furriau

Messaggio da skywalker » 09/07/2018, 19:37

MALLOREDDUS CASU FURRIAU

M'in ci scappa s'arrisu a pensai de s'intendi domandendi in ristoranti is "malloreddus a casu furriau" ma non penserete davvero che i ristoratori facciano tutte le ricette sarde? come scrissi nella pagina generale, sono ricette sarde rispolverate grazie alle persone anziane dei paesi... perciò se volete assaggiarle, armatevi di pazienza e coraggio e buon lavoro... Torniamo a questi "malloreddus a casu furriau" intanto il formaggio deve essere di due o tre tipi che andrete a comprare o a farvelo regalare, in ogni caso deve essere di quello fresco e possibilmente leggermente acidulo... ok? posso passare alla sezione ingredienti? grazie del permesso...

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

Malloreddus... 600 grammi

Formaggio fresco... 350/400 grammi (due o tre tipi di formaggio)

Zafferano in polvere e sale... quanto basta

PREPARAZIONE

Prendete il formaggio e dopo aver tolto la buccia, lo tagliate a pezzi piccoli... mettere i pezzi di formaggio con lo zafferano in un tegame o terrina di terracotta e a fuoco basso cominciate a scioglierlo fino a formare una crema... intanto che si scioglie il formaggio mettete l'acqua per cuocere is malloreddus... ad ebollizione avvenuta, mettere il sale e una volta cotti... li scolate e li versate nel tegame dove c'è il formaggio... ora con un po di buona volontà mescolate ma senza addormentarvi... e servite a tavola ancora bollente... a quei fannulloni seduti che non fanno altro che aspettare e mangiare a quattro ganasce!!! una cosa voglio dirvela: se vi fanno i complimenti vuol dire che la pietanza era veramente buona... oppure avevano una fame arretrata dal periodo della guerra...


Immagine


Rispondi

Torna a “La cucina sarda”