• Bentornato su SardegnaIsland

Mousse di ceci con acqua di arselle

Rispondi
Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 13164
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 9 times
Been thanked: 1 time
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Mousse di ceci con acqua di arselle

Messaggio da skywalker » 04/07/2018, 19:16

Mousse di ceci con acqua di arselle

Immagine

IL VINO GIUSTO
Piatto ricco di spunti gustativi e aromatici che ben si abbina allo strutturato Nasco di Cagliari o al Sauvignon del Collio.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

• 500 g di ceci
• 500 g di arselle veraci
• 10 g di bottarga di tonno
• tartufo nero
• 2 spicchi di aglio
• 1 ciuffetto di prezzemolo
• vino bianco secco
• 160 g di porri
• 1 dl di panna fresca
• 40 ml di olio al tartufo
• 25 dl di latte
• olio extravergine di oliva
• sale

PREPARAZIONE

Mettete ad ammollare i ceci in abbondante acqua per una notte. Scolateli e fateli lessare in abbondante acqua bollente salata.
Fate spurgare le arselle in acqua fredda salata per almeno un’ora, quindi lavatele bene e fatele aprire in una padella a fuoco vivo con olio, uno spicchio di aglio sbucciato e un poco di prezzemolo tritato. Quando saranno aperte, bagnate con il vino e fatelo evaporare. Tenetele da parte in caldo.
Mondate e tagliate finemente i porri, quindi fateli rosolare in una padella con olio e uno spicchio di aglio, sbucciato e leggermente schiacciato. Aggiungete la panna e l’olio al tartufo e fate insaporire brevemente il tutto.
Riunite nel vaso del frullatore i ceci lessati e i porri, azionate l’apparecchio fino a ottenere una consistenza cremosa, quindi trasferite il tutto in una pentola, portate su fuoco moderato e aggiungete a filo il latte, mescolando bene.
Versate qualche mestolo di crema di ceci nelle fondine individuali, aggiungete le arselle, la bottarga tagliata a cubetti e un po’ di tartufo grattugiato; completate con del prezzemolo sminuzzato, a piacere qualche dadino di pomodoro fresco e servite. -


Immagine


Rispondi

Torna a “I Primi”