• Bentornato su SardegnaIsland

Risotto al Tarasacco

Rispondi
Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 8353
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 5 times
Been thanked: 0
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Risotto al Tarasacco

Messaggio da skywalker » 04/07/2018, 21:03

RISOTTO AL TARASACCO E GREVIERA DI OZIERI


INGREDIENTI PER QUATTRO PERSONE:

Gr 400 di riso Carnaroli;

un mazzetto di foglie fresche di tarasacco;

3 fiori di tarasacco;

gr. 40 di scalogno tritato;

dl. 20 di olio d’oliva extra vergine;

gr. 100 di Greviera di Ozieri;

lt. 1 di brodo;

sale.

PREPARAZIONE:

Recentemente sono stato invitato alla Fiera di Ozieri, dove il 19 aprile scorso, si è svoltala Primarassegna gastronomica della neonata Associazione professionale dei cuochi sardi, presieduta da Renzo Meloni. Durante la manifestazione, ho potuto anche assaporare le qualità organolettiche del Greviera, un formaggio ottenuto da latte vaccino, tipico di Ozieri e che si presta per numerosi utilizzi sia a tavola sia in cucina. Durante il viaggio ho fatto una piccola deviazione a Badde Salighes, per una sempre piacevole escursione nella tenuta che fu del costruttore delle ferrovie sarde, il Lord gallese Benjamin Piercy: un posto incantato, con la sua foresta di agrifogli, tasso, cedro del Libano, castagni, querce e tante altre specie arboree e vegetali. Ho raccolto un mazzetto di tarasacco, con i caratteristici fiori giallo sgargiante e, al rientro a casa, ho preparato un risotto che mi ha veramente entusiasmato. Ho fatto rosolare lo scalogno nella metà dell’olio e ci ho fatto tostare leggermente il riso, ho allungato con il brodo e ho lasciato cuocere. Nel restante olio, ho fatto rosolare rapidamente le foglie di tarasacco, grossolanamente sminuzzate, ho aggiunto anche i petali dei fiori e, quando il riso era quasi cotto, vi ho versato dentro questo intingolo, ho aggiustato di sale, quindi, a fuoco spento, ho mantecato col formaggio Greviera, precedentemente tagliato a dadolini minuti e ho servito in tavola.

Da bere suggerisco un fresco vino bianco, magari un Arvesiniadu di Bono. -


Immagine


Rispondi

Torna a “I Primi”