Firenze, applausi per la rassegna sui film "Made in Sardegna"

Rispondi
Avatar utente
Non connesso

Tharros
Nuovo Iscritto
Nuovo Iscritto
Connesso: No
Messaggi: 4
Iscritto il: 25/05/2018, 21:59
Località: Oristano
Umore:
Has thanked: 0
Been thanked: 0
Gender:
Zodiac:
Italy

Firenze, applausi per la rassegna sui film "Made in Sardegna"

Messaggio da Tharros » 28/05/2018, 10:32

Firenze, applausi per la rassegna sui film "Made in Sardegna"

Immagine
Una scena di "Padre Padrone" di Vittorio Taviani

Cinema sardo protagonista a Firenze.

È andato in scena nei giorni scorsi, ospitato al cinema La Compagnia del capoluogo toscano, "Made in Sardegna, un'Isola di film", rassegna dedicata alla settima arte promossa dall'Associazione culturale Sardi in Toscana, in collaborazione con Sardegna Film Commission.

Nel corso della kermesse sono stati presentati cinque film con l'Isola protagonista, ("Figlia mia" di Laura Bispuri; "Chi salverà le rose" di Cesare Furesi; "Padre padrone" di Vittorio Taviani; "Il segreto delle calze" di Nicola Contini; "Uno sguardo alla terra" di Peter Marcias).

Pellicole che, spiegano gli organizzatori, "testimoniano come la Sardegna, terra e vivaio di nuovo talenti, si sia notevolmente arricchita negli ultimi anni, con una schiera di registi e sceneggiatori, apprezzati dalla critica e dal pubblico anche per la complessità dei temi che sono riusciti a trattare nei loro film".

La rassegna, giunta alla seconda edizione, è stata accolta favorevolmente dal pubblico e ha visto la partecipazione dei registi, che hanno animato analisi e dibattiti.

"Made in Sardegna – il commento di Angelino Mereu, presidente dell'associazione culturale Sardi in Toscana – ha rappresentato un importante momento di verifica e di promozione della cinematografia legata alla Sardegna. L'obiettivo è quello di far diventare la rassegna un appuntamento fisso che faccia conoscere e diffondere un aspetto importante della creatività e degli stimoli che la Sardegna riesce a far emergere".


Immagine


Rispondi

Torna a “Sardi nel mondo”