• Bentornato su SardegnaIsland

La Scuola Italiana

Rispondi
Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 13127
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 9 times
Been thanked: 1 time
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

La Scuola Italiana

Messaggio da skywalker » 27/06/2018, 8:15

Scuola, eliminata la chiamata diretta. Firmato l'accordo tra Miur e sindacati

Immagine

È stato firmato tra le organizzazioni sindacali (Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Gilda) e il Miur l'accordo, fortemente voluto dalla Uil Scuola, che fissa i criteri per il passaggio su scuola dei docenti titolari di ambito.

Il patto mette di fatto fine alla "chiamata diretta" da parte dei dirigenti scolastici e rende oggettivo e non discrezionale il passaggio dall'ambito alla scuola.

Cade un altro tassello della Legge 107/15, la "Buona scuola" del governo Renzi.

L'Uil Scuola poi ha diffuso una nota: "L'articolato prevede due fasi: copertura dei posti disponibili prioritariamente con personale che ha ottenuto la mobilità su ambito (con una delle precedenze previste dall'art. 13 del Ccni - Contratto collettivo nazionale integrativo, ndr - sulla mobilità) e copertura dei posti residuati col restante personale, secondo il punteggio di mobilità".

E poi: "Quest'ultimo personale, nella presentazione della domanda, che avverrà a partire dal 27 giugno tramite l'apposita sezione di istanze on line, indicherà la scuola da cui partire. Nel caso di mancata indicazione sarà considerata la scuola capofila dell'ambito".

Il sindacato conclude: "Queste operazioni saranno concluse entro il 27 luglio. Successivamente saranno effettuate le operazioni per la sede e il personale neo immesso in ruolo. Anche in questo caso si seguirà il punteggio di graduatoria. I vincitori di concorso ordinario precederanno i docenti provenienti dalle graduatorie ad esaurimento".


Immagine


Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 13127
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 9 times
Been thanked: 1 time
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Re: La Scuola Italiana

Messaggio da skywalker » 09/08/2018, 9:53

Scuola, ok dal Consiglio dei ministri all'assunzione di 57.322 docenti

Immagine

È arrivata l'approvazione da parte del Consiglio dei ministri. Il Cdm ha detto sì all'autorizzazione ad assumere, a tempo indeterminato, sui posti effettivamente vacanti e disponibili, per l'anno scolastico 2018/2019, 57.322 docenti.

Tra questi 43.980 docenti su posto comune e 13.342 docenti su posto di sostegno; 46 unità di personale educativo; 212 dirigenti scolastici e 9.838 unità di personale Ata.

Lo ha reso noto il comunicato stampa del Cdm.

Nei giorni scorsi Bussetti ha fatto notare che le assunzioni "sono più di quelle dell'anno scorso. E i sindacati lo sanno. Siamo partiti dalla copertura del turn over e cercheremo poi di coprire quanti più posti vacanti possibili".
Immagine


Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 13127
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 9 times
Been thanked: 1 time
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Re: La Scuola Italiana

Messaggio da skywalker » 04/10/2018, 19:20

Scuola, il ministero dell'Istruzione vara la nuova Maturità
Due prove scritte invece di tre, no al requisito Invalsi e all'alternanza scuola lavoro

Immagine

le scuole hanno ricevuto un documento con "le prime indicazioni operative" cui seguiranno momenti di formazione del personale docente. Prove scritte da 3 a 2 e "griglie di valutazione nazionali"
04 ottobre 2018 Due prove scritte invece di tre, piu' l'orale. Piu' attenzione al percorso svolto dai ragazzi nell'ultimo triennio, con un punteggio maggiore assegnato al credito scolastico. Griglie di valutazione nazionali per la correzione delle prove scritte. Sono alcune delle novita' dell'Esame di Stato conclusivo della scuola secondaria di II grado, che entrano in vigore da quest'anno scolastico, illustrate nella circolare che il Ministero dell'Istruzione, dell'Universita' e della Ricerca ha inviato oggi alle scuole, per dare un quadro chiaro a docenti e studenti. L'annuncio del ministro "Accompagneremo le scuole e i ragazzi verso il nuovo esame - sottolinea il Ministro Marco Bussetti, che ha lanciato la circolare con un video sul suo profilo Facebook -. Quella di oggi e' una circolare con le prime indicazioni operative. Ci saranno poi momenti di formazione per gli insegnanti e le commissioni e, attraverso i canali di comunicazione del Ministero, sito e social, ci rivolgeremo anche a studenti e famiglie. Quando un esame cambia, bisogna stare al fianco della scuola e di chi quella prova deve superarla per fornire tutti i chiarimenti che servono. Lo faremo con altre indicazioni, video esplicativi, interventi di esperti. Vogliamo che ogni novita' sia accompagnata da azioni specifiche di supporto. E ai ragazzi dico: se avete domande fatevi avanti, anche sui social, risponderemo ai vostri dubbi". Basta la sufficienza Quest'anno per accedere non saranno chiesti né la partecipazione, durante l'ultimo anno di corso, alla prova Nazionale INVALSI, ne' lo svolgimento delle ore di Alternanza Scuola-Lavoro, come previsto dal decreto cosiddetto Milleproroghe, recentemente approvato in Parlamento. Per poter essere ammessi alle prove bisognera' aver frequentato almeno i tre quarti del monte ore previsto, avere il 6 in ciascuna disciplina, avere la sufficienza nel comportamento. Il Consiglio di classe potra' deliberare l'ammissione anche con una insufficienza in una disciplina o gruppo di discipline valutate con un unico voto, ma dovra' motivare la propria scelta. Il voto Il voto finale continuera' ad essere espresso in centesimi. Ma da quest'anno si dara' piu' peso al percorso di studi: il credito maturato nell'ultimo triennio varra' fino a 40 punti su 100, invece degli attuali 25. Per chi fa l'Esame quest'anno ci sara' un'apposita comunicazione, entro gli scrutini intermedi, sul credito gia' maturato per il terzo e quarto anno, che sara' convertito in base alle nuove tabelle. Le prove Le prove scritte passano da tre a due. La prima prova scritta, italiano, in programma il prossimo 19 giugno, servira' ad accertare la padronanza della lingua, le capacita' espressive e critiche delle studentesse e degli studenti. I maturandi dovranno produrre un elaborato scegliendo tra 7 tracce riferite a 3 tipologie di prove in ambito artistico, letterario, filosofico, scientifico, storico, sociale, economico e tecnologico. Le tre tipologie di prova (invece delle quattro attuali) saranno: tipologia A (due tracce) - analisi del testo, tipologia B (tre tracce) - analisi e produzione di un testo argomentativo, tipologia C (due tracce) - riflessione critica di carattere espositivo-argomentativo su tematiche di attualita'. Per l'analisi del testo la novita' principale riguarda il numero di tracce proposte: gli autori saranno due, anziche' uno come accadeva fino ad ora. Questo per coprire ambiti cronologici, generi e forme testuali diversi. Potranno essere proposti testi letterari dall'Unita' d'Italia a oggi. L'analisi e produzione di un testo argomentativo (tipologia B) proporra' ai maturandi un singolo testo compiuto o un estratto da un testo piu' ampio, chiedendone l'interpretazione seguita da una riflessione dello studente. La tipologia C, il 'vero e proprio' tema, proporra' problematiche vicine all'orizzonte delle esperienze di studentesse e studenti e potra' essere accompagnata da un breve testo di appoggio che fornisca ulteriori spunti di riflessione. La seconda prova scritta del 20 giugno riguardera' una o piu' discipline caratterizzanti i percorsi di studio. Con la circolare inviata oggi si forniscono alle scuole le prime indicazioni sulla seconda prova, con una novita': saranno previste, secondo la nuova normativa vigente, griglie nazionali di valutazione, ovvero dei parametri, che saranno fornite alle commissioni per una correzione piu' omogenea ed equa. Il giudizio resta quindi alle commissioni che utilizzeranno queste griglie anche per la correzione della prova di italiano. Il punteggio finale sarà in centesimi. Si parte dal credito scolastico (fino a 40 punti). Alla commissione spettano poi fino a 60 punti: massimo 20 per ciascuna delle due prove scritte e 20 per il colloquio. Il punteggio minimo per superare l'esame resta fissato in 60 punti. La Commissione d'esame puo' motivatamente integrare il punteggio, fino ad un massimo di 5 punti, ove il candidato abbia ottenuto un credito scolastico di almeno 30 punti e un risultato complessivo nelle prove di esame di almeno 50 punti. A gennaio saranno comunicate agli studenti le materie della seconda prova. A febbraio, con largo anticipo rispetto al passato, sara' pubblicata l'ordinanza relativa agli esami di Stato.
Immagine


Rispondi

Torna a “Notizie e attualità”