• Bentornato su SardegnaIsland

Calcio Notize

Risultati, Classifiche e Commenti
Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 8440
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 5 times
Been thanked: 0
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Re: Calcio: Notize

Messaggio da skywalker » 27/06/2018, 20:30

Mercato, ufficiale Cancelo alla Juve. Napoli vicinissimo a Lainer

Immagine

I bianconeri annunciano l'esterno e trattano l'uscita di due centrali. Rugani piace al Chelsea, pronto a offrire 40 milioni. Benatia è a Torino per parlare con i dirigenti. Ancelotti avrà un terzino: è Lainer del Salisburgo. E i Blues non "attaccheranno" le clausole degli azzurri
ROMA - La settimana scorsa è stata quella dei centrocampisti, in questa è iniziata corsa al difensore. Juventus e Napoli si sono già mosse per sistemare le corsie, altri invece possono essere i movimenti in mezzo. A partire proprio dai bianconeri.

JUVE, NON SOLO CANCELO: RIVOLUZIONE IN DIFESA - Joao Cancelo è da qualche ora a Torino, adesso l'affare è anche ufficiale. Ma la rivoluzione della difesa più vincente e attempata del campionato, inziiata un anno fa con la cessione di Bonucci, continua. Il prossimo a lasciare Torino può essere Rugani: il Chelsea fa sul serio, Sarri lo ha avuto a Empoli e vorrebbe tornare a lavorare con lui. Per questo il club di Abramovic studia una proposta che possa avvicinare la valutazione di 40 milioni che ne fanno i bianconeri. Il suo sostituto è già in casa, in fondo: il prossimo anno Allegri avrà infatti Caldara. Il vero obiettivo però è un altro: la Juventus vuole Godin e per fargli posto sarebbe persino disposta a sacrificare Benatia, che con Allegri non è che vada d'accordissimo. Poteva finire al Marsiglia, in queste ore è arrivato a Torino per parlare con i dirigenti e capire cosa fare del proprio futuro: oltre ai francesi su di lui c'è anche l'Arsenal, la juve lo valuta almeno 25 milioni di euro. Cifra che reinvestirebbe proprio su Godin, che ha una clausola rescissoria da 20 milioni di euro. Arriverà anche De Ligt dell'Ajax: forse però la Juventus per averlo dovrà aspettare la prossima stagione.

NAPOLI, UN TERZINO E LA "TREGUA" COL CHELSEA - Un terzino, come i bianconeri, il Napoli lo sta per prendere. Con il Salisburgo è stato raggiunto un accordo di massima per il laterale destro Stefan Lainer, austriaco del '92 che costerà circa 12 milioni e nelle idee del club dovrebbe rappresentare l'alternativa a Hysaj. Numericamente sostituirà Maggio, che ha già lasciato il club azzurro: anzi in queste ore ha raggiunto un accordo col Verona, in Serie B. Il vero timore a Napoli è di un assalto dall'Inghilterra a Koulibaly, il muro su cui Ancelotti vorrebbe costruire la sua squadra. Lui per ora rimanda ogni discorso: "Penso solo alla nazionale, ma se dicono che valgo 100 milioni i miei genitori ridono". Il club aspetta intanto la definizione della risoluzione con Sarri, che dovrebbe portare dal Chelsea 5 milioni di euro, ma soprattutto un patto di non belligeranza, con i Blues ch si impegnerebbero formalmente a non "attaccare" le clausole dei calciatori del Napoli: Callejon, Albiol e lo stesso Hysaj.


Immagine


Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 8440
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 5 times
Been thanked: 0
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Re: Calcio: Notize

Messaggio da skywalker » 27/06/2018, 20:37

L'Uefa esclude il Milan dalle coppe europee: sanzione per violazione dei paletti sul bilancio

Immagine

NYON - Un anno fuori dalle coppe europee. Senza multe o sanzioni aggiuntive. È questa la decisione della Camera Giudicante dell’Uefa sul Milan. Il verdetto è arrivato intorno alle 17 con una formula per la verità non chiarissima. “Il club è escluso dalla partecipazione nella prossima competizione europea per la quale si qualificherà nelle prossime due stagioni: quindi una competizione nel 2018-19 o 2019-20, a secondo del raggiungimento della qualificazione”. Una formula davvero curiosa perché sembra che la Uefa, nella scrittura del dispositivo, non dia per sicura la qualificazione alla prossima Europa League conquistata dal Milan sul campo. Al momento, dunque, l'Atalanta va a occupare lo slot dei rossoneri ai gironi mentre la Fiorentina, ottava, affronterà i preliminari al posto dei bergamaschi.

NESSUNA MULTA - Ma, a una richiesta di chiarimenti a Nyon, la Uefa non lascia dubbi: l’anno di squalifica è uno solo. E soprattutto nessuna multa e nessun limite a mercato e ingaggi. Può essere che la Uefa abbia usato quella formula in relazione a possibili sospensive del Tas di Losanna. Ma questi sono ragionamenti che andranno approfonditi nelle prossime ore. Di sicuro c’è che la squalifica è di un anno. E la Camera Giudicante non ha caricato di sanzioni economiche il club, probabilmente anche in previsione del successivo passaggio di proprietà.

TUTTO ANCORA POSSIBILE - A questo proposito le trattative con il nuovo compratore proseguono in modo altalenante. La frenata con Rocco Commisso non può essere considerata definitiva. Il proprietario dei Cosmos già nei giorni scorsi non era convinto del prezzo di acquisto. Gli stop and go, da entrambe le parti, possono rientrare nella dinamica di una trattativa così complessa. In questo momento nessuna ipotesi può essere scartata. Potrebbero ripartire i negoziati con l’imprenditore italo-americano. Così come potrebbero farsi sotto gli altri acquirenti interessati, a partire dalla famiglia Ricketts che preferirebbe, però, trattare con Elliott dopo l’esercizio del pegno.

LO STRATAGEMMA DEI 32 MILIONI - Ma anche su questo punto lo scenario si è ingarbugliato. Se Yonghong Li troverà i 32 milioni necessari all’aumento di capitale – eventualità remota dopo due scadenze non rispettate, ma tornata d’attualità ieri sera col solito meccanismo di reperimento fondi su canali difficili da individuare vista l’assenza di attività economiche visibili del presidente cinese del Milan – l’hedge fund non subentrerà. Questo eviterebbe al Milan di svalutarsi come capita a ogni bene che entra nel controllo del creditore non rimborsato (e questa è una situazione che fa comodo non solo a Yonghong Li). Ma questo può essere solo una stratagemma spendibile per spuntare condizioni migliori sulla cessione. Perché la situazione di Yonghong Li non è certo tale da far pensare a una possibilità di prosecuzione nella gestione del Milan. È un tavolo sul quale vengono tentati bluff di ogni genere.
Immagine


Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 8440
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 5 times
Been thanked: 0
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Re: Calcio: Notize

Messaggio da skywalker » 29/06/2018, 13:33

Calciomercato: non solo Iniesta, anche Torres sbarca in Giappone

Immagine
Fernando Torres e Cristiano Ronaldo

Un'altra icona del calcio spagnolo sta per sbarcare nel Paese del Sol Levante.
Dopo l'ingaggio di Andres Iniesta da parte del Vissel Kobe, è il turno di Fernando Torres, a un passo dalla firma col club giapponese dello Sagan Tosu.

I media nipponici danno l'affare per chiuso: il 34enne ex attaccante di Liverpool, Chelsea e Milan, in scadenza di contratto con l'Atletico Madrid, firmerà un triennale da oltre 6 milioni di euro a stagione.

"Stiamo trattando con lui, lo annunceremo nel momento in cui dovessimo arrivare a un accordo", si limitano a far sapere i dirigenti asiatici.
"El Nino" (il bambino), come viene soprannominato dai tifosi spagnoli, ha vinto tantissimo in carriera.
Questo il suo palmares: una Champions League (col Chelsea 2011-2012), due Europa League (col Chelsea 2012-2013 e con l'Atletico Madrid, 2017-2018), una Coppa d'Inghilterra (sempre con i "Blues") a cui vanno aggiunti un mondiale (2010) e un europeo con la Spagna (il primo nel 2008, il secondo nel 2012).
Immagine


Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 8440
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 5 times
Been thanked: 0
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Re: Calcio: Notize

Messaggio da skywalker » 02/07/2018, 8:36

Alisson e Real allontanati dal Mondiale. Bonucci, c'è un sondaggio del Psg

Immagine

Blancos fermi alla prima offerta, hanno il "sì" del giocatore romanista ma ora valutano anche il meno costoso Courtois. Se parte, Chelsea su Donnarumma (con lo sconto), ma l'agente non darà una mano al Milan. Che deve tagliare i costi e pensa a vendere: ora pure il club parigino si informa sul difensore rossonero
ROMA - Non è stato finora il Mondiale dei portieri, chissà allora che non sia il loro anno sul mercato. In particolare nel negozio Italia, i numeri uno si stanno ritagliando una vetrina primaria. Se Meret (insieme a Karnezis) è di fatto del Napoli, se la Fiorentina ha scelto Lafont, ancora in dubbio restano i detini dei guardiani di Roma e Milan.

ALISSON, IL REAL NON RILANCIA (E PENSA A COURTOIS) - In Russia, si è visto soprattutto per aver fatto scoppiare un palloncino piovuto dagli spalti, in un video diventato virale. In campo, il romanista Alisson non è che abbia lasciato tracce indelebili. Un elemento che sta facendo riflettere il Real, sempre più convinto di non voler spendere per lui i 70/75 milioni che chiede la Roma. Il problema è che Alisson si è letteralmente promesso ai blancos di Madrid, disposti a garantirgli uno stipendio da 5 milioni all'anno. Alla Roma ne darebbe invece non più di 50: pochi, per Trigoria, che infatti ha congelato le trattative.

E così il presidente Florentino Perez ha rivolto le proprie attenzioni al belga del Chelsea Courtois, con la necessità di tornare a Madrid, dove vive la famiglia e soprattutto in scadenza di contratto nel 2019. Elemento che fa precipitare la sua valutazione intorno ai 35 milioni. Anche dandogli i 7 milioni netti che gli aveva promesso l'Atletico per prenderlo gratis tra un anno, l'operazione costerebbe meno dell'affare Alisson.

C'è chi sostiene che l'interesse per Courtois serva solo a "spaventare" la Roma: certo la prima scelta resta ancora il brasiliano, che sta spingendo perché l'affare decolli: una spintarella, forse, potrebbe darla lui stesso negli ottavi contro il Messico.

MILAN, UN "TAGLIO" IN PORTA: MA RAIOLA... - Il Chelsea, in caso di un addio di Courtois, potrebbe guardare proprio in Italia. E se Alisson di Londra non pare volerne sapere, una sorte diversa potrebbe avere l'idea Donnarumma. Una cessione di cui il Milan ha quasi bisogno: nel dedalo sorto intorno al futuro societario, la necessità di ridurre i costi è una delle poche certezze.

E solo la porta, sommando gli stipendi dei due Donnarumma e del neo acquisto Reina, costa oggi qualcosa come 20 milioni lordi all'anno. Troppi. "Liberarsi" dei 6 netti da versare annualmente a Gigio Dinnarumma pare inevitabile. I problemi sono due però. Che una squadra, se dovesse versare quella cifra di stipendio, chiederebbe un fortissimo sconto sul prezzo del cartellino, fino a 30/35 milioni. Il secondo: i pessimi rapporti tra Raiola e i dirigenti rossoneri sono conclamati. E Raiola sa bene quanto serve al club far uscire Donnarumma. La domanda quasi ovvia è: siete sicuri che il potente agente di Nocera Inferiore abbia voglia di risolvere un problema al ds Mirabelli?

BONUCCI, SONDAGGIO DEL PSG - A proposito di taglio ai costi: A Milano hanno messo sul mercato oltre al portiere almeno due punte (Bacca, tornato dal prestito al Villarreal, più Kalinic e/o André Silva), qualche centrocampista (Locatelli, Montolivo) e qualcuno dietro. Lì dove si stanno concentrando le attenzioni del Psg, che nelle ultime ore ha mosso sondaggi per Bonucci. Si parla anche di qualche approccio con l'agente. In Inghilterra scrivono di un interessamento del Manchester United, e il Milan per ora non ha chiuso la porta (anzi). Con un'offerta concreta intorno ai 34 milioni - ossia i costi di ammortamento residui - la cessione del difensore non sarebbe più solo un'ipotesi.
Immagine


Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 8440
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 5 times
Been thanked: 0
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Re: Calcio: Notize

Messaggio da skywalker » 08/07/2018, 21:42

Mercato: Real su Hazard per il dopo Ronaldo, Balotelli al Marsiglia. Psg sogna Suarez, Napoli pronto per Cavani
I blancos hanno inserito anche il belga nella lista dei fuoriclasse che dovrebbero prendere il posto di CR7, sempre più vicino alla Juve. Parigini sul Pistolero, azzurri pronti a inserirsi se parte il Matador. Il Toro completa lo scambio Barreca-Meité con il Monaco e chiude per Bremer

Immagine
Balotelli

Dalla Spagna arriva un altro indizio che avvicina Cristiano Ronaldo alla Juve. Secondo il quotidiano "Marca", il fuoriclasse portoghese avrebbe rifiutato, infatti, nel 2017 una maxi offerta dalla Cina per lasciare il Real: sul piatto c'era un contratto di due anni a 100 milioni di euro d'ingaggio a stagione. Una proposta faraonica, declinata però da Ronaldo che ritiene ancora oggi di poter giocare ancora ad altissimi livelli e che avrebbe visto in un trasferimento in Cina la fine anticipata della sua carriera. Un motivo in più, insomma, per credere che il suo approdo a Torino sia sempre più vicino. Il suo obiettivo, d'altronde, è quello di vincere la Champions con una terza squadra diversa dopo Manchester United e Real Madrid.

REAL, L'IDEA NUOVA È HAZARD - Se, come ormai pare inevitabile, Ronaldo lascerà Madrid, il Real si metterà alla ricerca di un campione in grado di non farlo rimpiangere poi troppo. Alla lista che comprende i vari Neymar, Mbappé e Kane si è aggiunto anche il belga Eden Hazard, reduce da un Mondiale da protagonista ma soprattutto da una partita spettacolare contro il Brasile. Viste le difficoltà nel trattare col Psg, al Real stanno pensando di puntare sul numero 10 dei Diavoli Rossi. Del resto ai blancos è sempre piaciuto portare al Bernabeu i protagonisti dei Mondiali: è successo nel 2010 con Ozil e 4 anni fa con James Rodriguez, e il prossimo potrebbe essere il 27enne belga che più volte ha strizzato l'occhio al Real: "potrebbe interessarmi, se mi vogliono, sanno cosa devono fare", aveva dichiarato Hazard qualche giorno fa a proposito dell'ipotesi madrilena. E papà Thierry, che gli fa anche da agente, nelle scorse settimane aveva rivelato come il figlio avesse rifiutato la proposta di rinnovo del Chelsea - è in scadenza nel 2020 - per poter giocare con le merengues...

IL PSG SOGNA SUAREZ, IL NAPOLI RIPENSA A CAVANI - A proposito di Psg, i parigini puntano a cambiare il principale partner s'attacco di Neymar visto lo scarso feeling con Cavani. Secondo il quotidiano catalano "Sport" la società francese avrebbe individuato in Luis Suarez l'uomo giusto per poter finalmente ambire alla conquista della Champions. Bisognerà, però, fare i conti con il Barcellona che, al momento, non pare avere alcuna intenzione di mettere l'attaccante sul mercato. Chi guarda con interesse all'evolversi della situazione è Carlo Ancelotti che, in caso Cavani venisse messo sul mercato, potrebbe chiedere a De Laurentiis uno sforzo per farlo tornare nella città che lo ha definitivamente consacrato al grande calcio.

BALOTELLI FIRMA PER IL MARSIGLIA - Resterà sicuramente in Francia, invece, Mario Balotelli che, dopo aver deciso di lasciare il Nizza, è arrivato oggi a Marsiglia per firmare il contratto che lo legherà all'Olympique. SuperMario è giunto in Provenza in compagnia di un avvocato, a La Commanderie, il centro sportivo della squadra allenata da Rudi Garcia. Firma imminente, dal momento che la trattativa si sarebbe sbloccata in seguito all'accordo tra i due club per il cartellino dell'attaccante italiano, valutato dal Nizza 10 milioni di euro.

BARCELLONA: PAULINHO SALUTA, ASSALTO A WILLIAN - Il Barcellona saluta Paulinho che da oggi torna ufficialmente al Guangzhou Evergrande, in prestito con diritto di riscatto per 50 milioni: 10 in più di quanto speso un anno fa dai catalani proprio per prenderlo dallo stesso club allenato da Cannavaro. Il brasiliano non poteva dire no visto che ha ricevuto la proposta di un quadriennale da 14 milioni a stagione. I blaugrana sono già al lavoro per sostituirlo. I nomi in cima alla lista sono due: Adrien Rabiot e Willian. Nasser Al-Khelaifi, presidente del Psg, non vorrebbe cedere il 23enne centrocampista francese ma il ds Antero Henrique spinge in direzione contraria visto che il giocatore è in scadenza nel 2019 e c'è il concreto rischio di perderlo a parametro zero. Più complicato arrivare al 29enne brasiliano del Chelsea: i Blues chiedono 80 milioni di euro, cifra che il Barça spera di abbassare con l'aiuto di Kia Joorabchian, agente del giocatore, ma c'è anche la forte concorrenza del Manchester United dove potrebbe ritrovare Josè Mourinho, che lo ha già avuto ai suoi ordini a Londra. Nei piani dello Special One, Willian garantirebbe nuove soluzioni in avanti dove a fargli spazio potrebbe essere Martial. Ma la prospettiva di poter giocare con Messi potrebbe essere decisiva per convincere il brasiliano a preferire l'opzione blaugrana.

TORO, SCAMBIO BARRECA-MEITE CON IL MONACO - In Italia oggi è stata una domenica piuttosto vivace per il Torino che ha praticamente definito lo scambio Barreca-Meité con il Monaco. Il 24enne centrocampista francese dovrebbe sostenere già lunedì le visite mediche. Nella doppia operazione i granata riceveranno un conguaglio di 2 milioni. Abbandonata la pista Verissimo, nonostante la volontà del giocatore, per le pretese del Santos, il Toro sta poi chiudendo anche un'altra trattativa, quella per il difensore brasiliano Gleison Bremer, in forza all'Atletico Mineiro.
Immagine


Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 8440
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 5 times
Been thanked: 0
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Re: Calcio: Notize

Messaggio da skywalker » 09/07/2018, 16:03

PSG, Buffon: "Champions non è ossessione, ho l'entusiasmo di un ragazzo"

Immagine

Il nuovo portiere dei transalpini è un fiume in piena nel giorno della sua presentazione: "Stavo già programmando un futuro diverso quando è arrivata l'offerta, ho molto da dare al calcio. Quando non sarò più al top sarò il primo a capirlo. Neymar avrà voglia di riscatto, la Francia è la favorita per la vittoria del Mondiale"

Il primo allenamento, le prime parole da nuovo calciatore del Paris Saint-Germain. Per Gigi Buffon la vita ricomincia a quarant'anni, con l'avventura con i campioni di Francia. L'ex portiere della Juventus, a dodici anni esatti dalla vittoria del Mondiale, riparte da Parigi: "A inizio maggio sono iniziati i contatti e per me è stata una sorpresa molto gradita, stavo già programmando un altro tipo di futuro anche se dentro di me ho sempre avuto l'ambizione e la speranza che accadesse qualcosa. Sentivo di avere dentro qualcosa di importante da dare, la vita è imprevedibile ed è arrivata questa offerta. Quando avevo 30 anni pensavo di avere due anni di carriera, a 34 pensavo di averne ancora uno, e così via. Ho giocato in Nazionale fino a pochi mesi fa e questo vuol dire che sono ancora competitivo ai massimi livelli, non mi chiedo più quando lascerò il calcio: è una situazione che mi crea negatività. Giocherò finché starò bene e sarò uno tra i più forti, quando non sarà più così sarò il primo ad accorgermene".

LA CHAMPIONS LEAGUE NON E' UN'OSSESSIONE - A Parigi, Buffon cercherà di inseguire la Champions League che ancora manca al suo palmares. "Ho cercato di vincere la Champions League in tutti questi anni, non è la mia ossessione né quella della squadra. Si è creata questa situazione, ho accettato volentieri perché penso ci siano le condizioni per migliorare come persona e come calciatore. Credo di poter contribuire al miglioramento, anche se lieve, del PSG in campo, per ambire a traguardi sempre più importanti. Quando inizia una stagione, non si può racchiudere tutto in un obiettivo come la Champions League. Non so se la mia squalifica di tre giornate poteva essere un freno per la società, la mia decisione di venire qui non dipendeva dai turni di stop che avevo in Champions. Rispetto la decisione delle tre giornate di squalifica, accetto senza contraddire o fare polemiche inutile".

SPERO DI ESSERE IL TITOLARE - Buffon dovrà lottare per una maglia con Areola, una situazione che non aveva mai vissuto in carriera: "Mai nessuno mi ha detto che sarei stato il titolare delle mie squadre, sono sempre stato un giocatore che ha conquistato la titolarità sul campo. Ho quarant'anni ma godo di un ottimo stato di salute, fisica e mentale. Per vincere c'è sempre bisogno di tutti, dai calciatori alla società. Tutti trovano il modo, durante una stagione, per ritagliarsi uno spazio importante. Io farò di tutto per mettere in condizione i miei compagni e gli altri portieri di poter rendere al massimo, quello a cui tengo è dimostrare di essere ancora un grande portiere e sono sicuro che lo farò". L'ex portiere bianconero si è confrontato con Blaise Matuidi prima di accettare: "Ho giocato solo un anno con Matuidi ma è una persona davvero speciale, l'affetto reciproco e l'empatia che abbiamo creato era molto forte. Quando ha saputo di questa possibilità mi ha incitato a venire, dicendo che secondo lui il PSG ha bisogno di una persona come me. Sapendo quanto mi vuole bene, credo che ciò che mi ha detto fosse un pensiero vero, al quale ho dato grande ascolto".

Immagine

USCIRE DALLA TRANQUILLITA' - Dopo una carriera trascorsa interamente in Italia, Buffon ha deciso di lanciarsi in un'esperienza molto diversa: "Ho fatto dieci anni a Parma e diciassette alla Juventus, mi ero creato una sorta di zona di comfort molto forte. Non mi sono mai piaciute queste zone, ho sempre voluto cercare la sfida e misurarmi, non solo come calciatore ma anche come persona. Oggi mi sono dovuto allenare con tanti ragazzi che non parlano la mia lingua, questi piccoli momenti di disagio sono bellissimi da ricordare, mi faranno migliorare ancora. Tra uno-due mesi parlerò con tutti, diventerò un portiere migliore perché conoscerò un altro modo di parare. Penso sia fondamentale allargare l'orizzonte, non potevo dire di no al PSG, anche se ho quarant'anni". L'età non pesa sulle spalle del portiere: "Sbarco a Parigi con l'entusiasmo di un ragazzo, la carta d'identità non tradisce ma penso che uno debba seguire l'energia che ha dentro e le risposte che dà il corpo in allenamento e in partita. Lo sport è cambiato molto, ci sono giocatori che a 34-35 anni hanno ancora la tenacia e l'abilità di essere ritenuti i migliori, ed è una cosa che era improponibile anche solo 15 anni fa".

NEYMAR PER IL RISCATTO - Dopo aver provato la delusione della mancata qualificazione al Mondiale, il veterano azzurro potrà rincuorare Neymar, reduce dal flop con il suo Brasile: "Momenti poco felici capitano a tutti in carriera, sono delle tappe che, se le affronti nel modo giusto e con il coraggio di metterti in discussione, ti fanno migliorare tantissimo. Un campione come Neymar, dalla delusione mondiale, può arrivare a Parigi con un desiderio di rivincita incredibile. Ne gioveranno i suoi compagni e il PSG". Proprio in tema Mondiale, Buffon non ha dubbi su chi potrà vincere il torneo: "Dalla prossima competizione importante tutti vorranno l'Italia nel torneo, perché quando gli italiani si mettono a gufare non ce n'è per nessuno, è rimasta solo la Francia. Credo che saranno loro a vincere: Deschamps è un grandissimo commissario tecnico e la squadra ha talento e classe incredibile. Per me, sono i candidati principali alla vittoria finale".
Immagine


Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 8440
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 5 times
Been thanked: 0
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Re: Calcio: Notize

Messaggio da skywalker » 09/07/2018, 16:04

Spagna, Luis Enrique è il nuovo commissario tecnico
Il nuovo ct è reduce da un anno sabbatico dopo aver lasciato il Barcellona, con cui ha vinto la Champions League nel 2015. In precedenza aveva allenato il Barça B, la Roma e il Celta Vigo

Immagine

Adesso è ufficiale: Luis Enrique è il nuovo commissario tecnico della Spagna. Lo ha annunciato il presidente della federcalcio spagnola (Rfef), Luis Rubiales, al termine della riunione del consiglio direttivo di oggi a Madrid. "Abbiamo approvato all'unanimità - ha detto Rubiales - l'ingaggio di Luis Enrique come selezionatore, per i prossimi due anni". Il nuovo ct è reduce da un anno 'sabbatico' dopo aver lasciato il Barcellona, con cui ha vinto la Champions nel 2015. In precedenza aveva allenato Barça B, Roma, e Celta Vigo.

"Questo selezionatore soddisfa tutti i parametri dei criteri della gestione sportiva", ha commentato il presidente della Federcalcio spagnola. "Mi piace il suo impegno. Ha perso opportunità economiche migliori per allenare la Spagna", ha aggiunto. "Luis Enrique arriva con il suo staff, ma di questo fatto parlerà la prossima settimana", ha spiegato in conferenza stampa.
Immagine


Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 8440
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 5 times
Been thanked: 0
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Re: Calcio: Notize

Messaggio da skywalker » 11/07/2018, 10:09

Milan, Yonghong Li non riesce a vendere, il club passa a Elliott

Immagine

È fallito l'ultimo tentativo disperato di vendita del club da parte del proprietario cinese al magnate russo Dmitrij Rybolovlev. A questo punto il fondo americano è pronto a rilevare la società, circostanza che avverrà formalmente con l'avvio della procedura di escussione del debito
Finisce il breve interregno di Yonghong Li. Ora tocca a Elliott. È fallito anche l'ultimo tentativo disperato di vendita del club da parte del proprietario cinese del Milan. L’ultima carta di Yonghong Li e dell’attuale dirigenza rossonera non ha prodotto risultati. L’interessamento dell’imprenditore russo, Dmitrij Rybolovlev, proprietario del Monaco, molto vicino a Jorge Mendes, non si è tradotto in nulla di concreto: nessun contratto preliminare di acquisto, nessun bonifico pari all’importo del debito di Elliott più il rimborso dell’aumento di capitale da 32 milioni non versato da Yonghong Li.

VIA AL PEGNO - Con ogni probabilità sarebbe stato tutto fuori tempo massimo dopo l’inadempimento del proprietario cinese del Milan, certificato da venerdì scorso. Ma non ci sarà nemmeno questo dubbio perché l’ultimo possibile compratore, in trattativa diretta da Yonghong Li, non ha fatto passi avanti. Elliott così può partire con la procedura di escussione del pegno sulle quote della Rossoneri Sport Investment in Lussemburgo. L’hedge fund ancora non conferma ufficialmente l’avvio della procedura. Ma questa è l’unica strada percorribile: entro 48-72 ore l'hedge fund diventerà proprietario del Milan con tre mesi di anticipo rispetto alla scadenza di ottobre.

LE PRIME MOSSE DI ELLIOTT - Le prossime mosse dovrebbe essere la convocazione dell’assemblea della Rossoneri Sport Investment con la decadenza degli attuali amministratori e la nomina di nuovi, in rappresentanza del fondo Elliott al di là dei due amministratori già presenti per conto di Project Red Black. Dovrebbe poi essere convocata l’assemblea dei soci del Milan (nel giro di 7/10 giorni) che, a sua volta, nominerà un nuovo Cda e dovrebbe deliberare un aumento di capitale (pari a 150 milioni) per far fronte alle esigenze del Milan dei prossimi mesi, garantendo un’adeguata copertura finanziaria al club utile anche per la difesa di fronte al Tas di Losanna. La breve gestione di Yonghong Li è giunta al capolinea proprio nel giorno del raduno del Milan oggi a Milanello.
Immagine


Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 8440
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 5 times
Been thanked: 0
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Re: Calcio: Notize

Messaggio da skywalker » 30/07/2018, 13:09

Calcio, Euro U19: Portogallo-Italia 4-3. Mancini: "Bravissimi"

Immagine

Sfuma il sogno dell'Italia: il Portogallo è campione d'Europa Under 19.

Gli azzurrini si sono inchinati ai lusitani al termine di una finale dalle mille emozioni.

La nazionale di Nicolato è stata sconfitta 4-3 ai supplementari con i tempi regolamentari terminati 2-2.

I giovani hanno comunque fatto vedere una grande Italia, bella, generosa, capace di rimontare con orgoglio una partita che sembrava persa. Da sottolineare la straordinaria prestazione dello juventino Kean (lo scorso anno in prestito all'Hellas Verona) autore di una doppietta in pochi minuti.

La partita è stata commentata anche dal tecnico della Nazionale maggiore Roberto Mancini che ha seguito con grande attenzione il match alla ricerca di qualche talento da inserire, magari già nell'Under 21: "Bravissimi, non meritavate la sconfitta anche se di fronte avevate un avversario forte".
Poi i Complimenti al collega: "Bravo anche Nicolato. Ora la nuova sfida dei Mondiali!".

Insomma non tutti i mali vengono per nuocere. La speranza è che qualcuno possa fare strada anche nella squadra A che, come non mai, ha bisogno di giovani talenti da lanciare per far rinascere il movimento.
Immagine


Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 8440
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 5 times
Been thanked: 0
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Re: Calcio: Notize

Messaggio da skywalker » 02/08/2018, 13:23

Higuain, visite mediche a Milano: "Inizia una nuova avventura"
Oggi alle 13:46 - ultimo aggiornamento alle 14:20

"Inizia questa nuova avventura, un saluto a tutti i tifosi e anche a quelli della Juventus che mi hanno dato tanto affetto".

Queste le prime parole per il neorossonero Gonzalo Higuain, sbarcato a Milano per le visite mediche.

Accolto dai cori dei tifosi all'arrivo in aeroporto e anche davanti all'hotel Westin Palace dove risiede in attesa di trovare casa, il Pipita ha anche risposto alla domanda su dove può arrivare la squadra di Gattuso grazie ai rinforzi: "Spero il più lontano possibile".

Con lui è arrivato nel capoluogo lombardo anche Mattia Caldara, mentre, in senso inverso, a Torino è ritornato Leonardo Bonucci.

Anche per il difensore "figliol prodigo" visite mediche in giornata al J Medical.

Immagine

Dello scambio multiplo tra Milan e Juve ha parlato anche Massimiliano Allegri.

"Questo è il mercato, è il calcio, succedono queste cose, sono state fatte operazioni secondo me giuste per entrambe le squadre", ha detto il tecnico bianconero. Aggiungendo: "Mi dispiace per Caldara perché è giovane, e con Rugani e Romagnoli sono i più bravi giovani difensore in italia, ma per lui sarà un processo di crescita importante e forse più giusto. Quanto a Higuain, lo posso solo ringraziare per questi 2 anni alla Juventus: il Milan ha acquistato un grandissimo centravanti".
Immagine


Rispondi

Torna a “Calcio”