Arriva in Sardegna il primo campionato di Bubble Football

Spazio riservato a tutte le altre discipline che fanno parte del vasto mondo dello sport

Moderatori: skywalker, thaitu, Cuore Rossoblu, Collaboratori

Regole del forum
Per un corretto utilizzo del forum prima di postare invito a leggere il regolamento, le FAQ e le info e spiegazioni sul forum Amministrazione, grazie. I nuovi iscritti troveranno molto utili le informazioni che sono inserite in questo link:
viewtopic.php?f=8&t=7
Avatar utente
Cuore Rossoblu
Sardus Pater
Sardus Pater
Messaggi: 16004
Iscritto il: venerdì 23 gennaio 2009, 12:26
Stato: Italia
Regione: Sardegna
Provincia: Carbonia-Iglesias
Gruppo: Collaboratore (riservato)
Sesso: Donna
Segno Zodiacale: Bilancia

Arriva in Sardegna il primo campionato di Bubble Football

Messaggioda Cuore Rossoblu » giovedì 4 gennaio 2018, 11:10

Per la prima volta in Sardegna si svolgerà un campionato di Bubble Football.

Immagine

L'evento, organizzato dalla JParty, si terrà tra maggio e giugno in sei paesi del sud dell'isola (Vallermosa, Siliqua, Uta, Villaspeciosa, Decimomannu e Assemini) e vedrà la partecipazione di 30 squadre e 300 giocatori.

Il Bubble Football, chiamato anche Bubble Soccer, è nato in Norvegia nel 2011 dall'idea dei conduttori e comici Henrik Johan ed Elvestad Golden e consiste nel giocare a calcio dentro una grande bolla realizzata in poliuretano termoplastico o pvc.

"Il Bubble Football - spiega Gianmarco Crobu, titolare della JParty - ha poche regole e due obiettivi: il primo, più importante, è quello di divertirsi e socializzare, e poi di fare goal. Esistono delle regole adattabili e personalizzabili in base alle esigenze di chi gioca, così come varia il numero dei giocatori a seconda delle dimensioni del campo, generalmente da calcio a 5. La contesa iniziale del pallone ha la stessa formula della pallanuoto: la palla viene posizionata al centro del campo, le squadre si trovano allineate nelle proprie aree e al fischio d'inizio si inizia a correre in direzione del pallone dando origine al primo grande mix di scontri".

La possibilità di scontrarsi "corpo a corpo" e di commettere quindi fallo è inesistente, anzi è una prerogativa del gioco per il possesso palla, come sottolinea Crobu: "Gli scontri sono d'obbligo, ma la sfera è progettata per proteggere il giocatore dalla testa fino al bacino compreso attutendo quindi i contatti. L'unica raccomandazione è quella di tenersi ben saldi alle apposite maniglie. Sono vietati i colpi volontari da dietro, gli scontri violenti e quelli lontano dall'azione di gioco".

http://www.unionesarda.it/articolo/spor ... 82723.html


ImmagineImmagine


Torna a “Altri Sport”