• Bentornato su SardegnaIsland

Inter Football Club Milano

Risultati, Classifiche e Commenti
Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 10971
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 8 times
Been thanked: 1 time
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Inter Football Club Milano

Messaggio da skywalker » 04/08/2019, 17:37

L'Inter fa bella figura a Londra, Tottenham battuto ai rigori 5-4

Immagine

Buona prova dei nerazzurri nell'amichevole in Inghilterra, squadra veloce, tonica e organizzata. Sensi risponde a Moura, la sfida si decide dal dischetto
Sulla copertina della rivista di presentazione della partita, sono stati stampati i volti dei tre calciatori dell'Inter più famosi in Inghilterra: Radja Nainggolan, Mauro Icardi e Lautaro Martinez. Sono loro che i 60mila del Tottenham Spur Stadium speravano di ammirare in campo contro la loro squadra. Ma vaglielo a spiegare agli inglesi che Icardi alla Pinetina nemmeno gioca le partitelle, Nainggolan è finito in prestito al Cagliari e Martinez sta recuperando la forma dopo le ferie, per evitare la fine di Diego Godin: arrivato a Milano, volato a Macao per giocare in amichevole e poi infortunatosi in allenamento. Salterà la prima di campionato. Quello che invece hanno visto, i tifosi del Tottenham, è un'Inter veloce, tonica e organizata, che per quasi tutta la partita ha messo in difficoltà gli Spurs. È finita 1-1 dopo i 90' e 5-4 ai rigori per i nerazzurri, risultato prezioso contro una finalista di Champions League, pronta a cominciare il campionato la prossima settimana. Il Tottenham il poco che ha fatto lo ha fatto in contropiede, gol compreso.
l gioco c'è
Nelle intenzioni della società, e di Antonio Conte, l'amichevole di Londra contro il Tottenham nel suo nuovo stadio da un miliardo di sterline poteva essere l'occasione per testare i nuovi acquisti. Invece in attesa che il mercato faccia il suo corso - e pur con una formazione d'emergenza soprattutto in attacco, con Esposito e Perisic punte per 73 minuti - a mettersi in mostra è stato il gioco, sempre più vicino a come Conte lo vuole. In uno stadio tutto esaurio, l'Inter ha pressato per 90 minuti. La difesa a tre ha funzionato, e superato lo shock dell'1-0 dopo appena due minuti (gol di Moura) ha concesso pochissimo. Il centrocampo ha retto le giocate verticali del Tottenham, con un Dalbert grintoso in fascia sinistra. Anche davanti le cose non sono andate male. Esposito ha servito Sensi per l'1-1, Perisic ci ha provato di testa, di destro e di sinistro. Brozovic ha dato una mano con una botta da fuori finita sul palo a metà primo tempo.
Aspettando il mercato
Resta il fatto che, a meno di tre settimane dall'inizio del campionato, gli unici attaccanti disponibili per l'Inter - aspettando Lautaro - sono Politano, Perisic, Longo (pronto a trasferirsi al Deportivo La Coruna), Puscas (anche lui in probabile partenza) ed Esposito. Proprio a Londra, l'amministratore delegato nerazzurro Beppe Marotta e il direttore sportivo dell'Inter Piero Ausilio potrebbero trovare la soluzione di quel caso Lukaku che sbloccherebbe molte delle partite di mercato aperte in Serie A. L'Inter la sua offerta al Manchester United per il belga la ha fatta - 65 milioni più bonus - e finora non ha rilanciato, nonostante le voci (smentite) che dicono il contrario. La Juve per il gigante dei Red Devils offre in cambio il cartellino di Dybala, che però non ha ancora dato la sua disponibilità a trasferirsi, e non è detto lo farà.


Immagine


Avatar utente
Non connesso

Il Bianconero
Aristeo
Aristeo
Connesso: No
Messaggi: 143
Iscritto il: 25/05/2018, 14:11
Has thanked: 0
Been thanked: 7 times
Gender:
Italy

Inter Football Club Milano

Messaggio da Il Bianconero » 08/08/2019, 17:57

Complimenti all'inter per l'acquisto di Lukaku... Marotta non ha mai bluffato, è andato all-in e ha portato a Milano un grande attaccante... quest'anno ci sarà da battagliare...


Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 10971
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 8 times
Been thanked: 1 time
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Inter Football Club Milano

Messaggio da skywalker » 09/08/2019, 20:21

Grazie Il Bianconero per il tuo gradito commento, vedremo prossimamente chi avrà fatto meglio, anche se la tua Juve è sempre la favorita, la squadra da battere


Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 10971
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 8 times
Been thanked: 1 time
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Inter Football Club Milano

Messaggio da skywalker » 10/08/2019, 14:26

Inter, la numero 9 da Icardi a Lukaku. Il belga: "Conte il migliore al mondo"

Immagine

Al belga il numero che da sei anni era sulle spalle dell'argentino. L'ex Manchester: "Sono in un club che ha il miglior tecnico al mondo: riesce a migliorare i suoi calciatori e la sua carriera parla per sé". Perisic si avvicina al Bayern

Il futuro di Mauro Icardi non sarà all'Inter. Se ancora ci fosse stata una flebile speranza sulla possibilità di rivedere l'ex capitano nuovamente inserito nel progetto nerazzurro, magari a mercato chiuso, oggi è arrivata l'ennesima e, probabilmente decisiva, stoccata del club. L'argentino, infatti, dopo essersi visto sfilare la fascia la scorsa stagione, adesso si vede togliere anche la maglia numero 9 che andrà al nuovo idolo della tifoseria, Romelu Lukaku. Dopo sei anni cambia così il proprietario della maglia da centravanti, che dal 2013/14 era sulle spalle di Maurito.

Lukaku: "Qui per Conte e progetto"
Il belga, acquistato dal Manchester United per 75 milioni di euro (acquisto più caro della storia dell'Inter) ha ammesso di aver scelto il nerazzurro anche per Antonio Conte. "Ha inciso tanto nella mia scelta di venire all'Inter. È il miglior tecnico al mondo: riesce a migliorare i suoi calciatori e la sua carriera parla per sé. Ho scelto l'Inter per il progetto del club - le sue parole alla tv nerazzurra -. Penso che stia andando nella direzione giusta e io avevo bisogno di una nuova sfida. Qui ci sono le basi per fare molto bene. Voglio aiutare questa squadra a fare qualcosa di importante, con il mio impegno e la mia grande voglia di fare. Piedi per terra, ma spero avremo grandi risultati a fine stagione. Voglio ringraziare il Presidente Steven Zhang e il CEO Sport Giuseppe Marotta per la fiducia che hanno posto in me. Sono felicissimo di essere qui all'Inter. Il messaggio per i tifosi nerazzurri è chiaro: 'Inter is not for everyone'. Forza Inter!", ha concluso Lukaku.

Il belga, acquistato dal Manchester United per 75 milioni di euro (acquisto più caro della storia dell'Inter) ha ammesso di aver scelto il nerazzurro anche per Antonio Conte. "Ha inciso tanto nella mia scelta di venire all'Inter. È il miglior tecnico al mondo: riesce a migliorare i suoi calciatori e la sua carriera parla per sé. Ho scelto l'Inter per il progetto del club - le sue parole alla tv nerazzurra -. Penso che stia andando nella direzione giusta e io avevo bisogno di una nuova sfida. Qui ci sono le basi per fare molto bene. Voglio aiutare questa squadra a fare qualcosa di importante, con il mio impegno e la mia grande voglia di fare. Piedi per terra, ma spero avremo grandi risultati a fine stagione. Voglio ringraziare il Presidente Steven Zhang e il CEO Sport Giuseppe Marotta per la fiducia che hanno posto in me. Sono felicissimo di essere qui all'Inter. Il messaggio per i tifosi nerazzurri è chiaro: 'Inter is not for everyone'. Forza Inter!", ha concluso Lukaku.
Lukaku atterra a Malpensa: centinaia di tifosi lo accolgono con una richiesta: "Segna a Torino"

Condividi
Perisic prende tempo
Ivan Perisic si prende 48 ore per decidere il suo futuro. Il croato fuori dai piani tecnici dell'Inter lunedì potrebbe diventare un nuovo giocatore del Bayern Monaco, che dopo aver rinunciato a Sane, che resterà fuori almeno 6 mesi per infortunio, si è tuffato sul nerazzurro. A spingere per la chiusura dell'affare è il tecnico dei bavaresi, Niko Kovac, suo connazionale ed estimatore. L'Inter che spera per una cessione definitiva ha già trovato l'intesa con i bavaresi per un prestito con opzione di acquisto fissata a 30 milioni. In ogni caso se Perisic dovesse andare in Bundesliga i nerazzurri risparmierebbero sul pesante ingaggio da 8 milioni lordi. Attendendo la risposta del calciatore dal suo entourage filtra ottimismo riguardo il buon esito della trattativa
Immagine


Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 10971
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 8 times
Been thanked: 1 time
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Inter Football Club Milano

Messaggio da skywalker » 10/08/2019, 14:28

Inter, Perisic ai saluti: è ad un passo dal Bayern Monaco

Immagine

L’Inter è partita per Valencia dove questa sera giocherà in amichevole al Mestalla contro la formazione spagnola alle ore 21.30, Romelu Lukaku è rimasto a Milano per allenarsi, Ivan Perisic volerà al Bayern Monaco. Il croato si era preso 48 ore per dare il suo benestare al trasferimento, ma le sue riflessioni sulla nuova avventura sono durate poco meno di 24 ore: il sì è arrivato in tarda mattinata. Perisic torna in Bundesliga dopo 4 anni con la maglia dei bavaresi, che hanno messo sul piatto un prestito oneroso da circa 5 milioni con riscatto fissato a circa 25 milioni. La società nerazzurra, dal canto suo aveva già dato il via libera al trasferimento dell’esterno. In nerazzurro ha giocato 163 partite e realizzato 40 gol. Un ritorno al passato per l’ormai ex interista che ha giocato in Germania nel 2011 con il Borussia Dortmund di Jurgen Klopp, con cui fece la doppietta campionato-coppa di Germania nel 2011-12, poi nel gennaio 2013 finì al Wolfsburg, dove aggiunse un’altra coppa nazionale e una Coppa di Germania. Nel mentre, Antonio Conte stasera dovrà fare a meno di Joao Mario, Ranocchia e Lazaro, mentre torna a disposizione Lautaro Martinez, pronto all'esordio stagionale con la maglia nerazzurra.

Quanto risparmia l’Inter con la cessione di Perisic

Il croato passa al Bayern Monaco in prestito di 5 milioni con diritto di riscatto a 25 milioni di euro. Sarebbe stato meglio per il club di Suning una cessione a titolo definitivo, in ogni caso anche la formula del prestito con diritto di riscatto porterà benefici ai conti nerazzurri. Perisic ha un contratto fino al 2022, un valore di bilancio al 30 giugno 2019 di 8,2 milioni di euro e un ingaggio lordo di 7,4 milioni di euro. Il risparmio sullo stipendio è totale, per quanto riguarda il peso del giocatore a bilancio i nerazzurri guadagneranno 2,3 milioni di euro
Immagine


Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 10971
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 8 times
Been thanked: 1 time
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Inter Football Club Milano

Messaggio da skywalker » 01/09/2019, 14:01

Cagliari, ecco l'Inter. Barella e il Ninja faccia a faccia col passato

Immagine

È il giorno di Cagliari-Inter, con una sfida nella sfida.

Quella tra Nicolò Barella, passato dal rossoblù al nerazzurro, e Radja Nainggolan, che invece ha fatto il tragitto inverso, tornando in Sardegna.

Il Ninja troverà posto a centrocampo da titolare, il gioiellino azzurro invece è dato in ballottaggio, in un match che arriva in un momento delicato per il club sardo, colpito dalla notizia del lungo stop che attende Leonardo Pavoletti, uscito per infortunio durante lo sfortunato esordio contro il Brescia.

In settimana sono arrivati i due nuovi rinforzi, Olsen e Giovanni Simeone, che dovrebbero però per il momento accomodarsi in panchina.

Una partita, quella della Sardegna Arena (inizio ore 20.45) che i rossoblù dovranno affrontare, nelle parole del mister Rolando Maran, "con coraggio e orgoglio", vista la caratura dell'avversario, candidato ad essere, assieme al Napoli, la principale antagonista della Juventus per lo scudetto.

Quanto alle probabili formazioni, Maran dovrebbe scegliere Rafael in porta, protetto da Ceppitelli e Klavan. Sulle fasce conferma a destra per Pinna ed esordio a sinistra per Luca Pellegrini a scapito di Lykogiannis.

In mediana, oltre a Nainggolan, dovrebbe riverdersi Nandez, mentre, rispetto al match d'esordio, Ionita e Birsa potrebbero lasciare spazio a Cigarini e Rog.

Davanti tandem Joao Pedro e Cerri.

Conte invece punterà sul 3-5-2, con Handanovic, D'Ambrosio, Ranocchia, Skriniar, Candreva, Vecino, Brozovic, Sensi e Asamoah a centrocampo, pronti ad innescare Martinez e Lukaku.

La direzione di gara è affidata a Maresca di Napoli.
Immagine


Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 10971
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 8 times
Been thanked: 1 time
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Inter Football Club Milano

Messaggio da skywalker » 01/09/2019, 21:21

Cagliari-Inter 1-2, ancora Lukaku: nerazzurri in testa con Juventus e Toro

Immagine

Joao Pedro risponde al gol di Lautaro Martinez, poi decide un rigore del belga. Nerazzurri a punteggio pieno con le due torinesi, sardi generosi ma ancora a secco di punti
Troppo presto per parlare di fuga scudetto, ma con il successo per 2-1 sul campo del Cagliari, l'Inter si candida seriamente a essere l'anti-Juve in campionato. Alla Sardegna Arena nerazzurri avanti con il gol di Lautaro Martinez, poi il pareggio di Joao Pedro, decisivo infine il rigore di Lukaku conquistato con una magia da Sensi. Alla prima sosta della Serie A, Conte si trova così in testa alla classifica insieme a Juventus e Torino.
Squadra che vince non si cambia
Conte conferma la stessa formazione che ha battuto il Lecce: in panchina sia il recuperato Godin che i neo arrivati Biraghi e Sanchez. Maran, privo di Pavoletti, si affida a Cerri mentre in porta esordisce Olsen. Si lotta molto fin dall'inizio, al 20′ Brozovic non fa sconti all'ex compagno di squadra Nainggolan beccandosi il (solito) giallo. Al 27′ dagli sviluppi di un corner Sensi pesca la testa di Lautaro che insacca ma non esulta perché vede la bandierina del guardalinee alzata. Ci vogliono più di 2 minuti di Var perché il gol venga giustamente assegnato: la posizione dell'attaccante argentino era regolare.
Lukaku timbra ancora
La risposta del Cagliari arriva soltanto nella ripresa, merito anche dell'ingresso del 'Cholito' Simeone per l'ennesima prova inconcludente di Cerri. Passano appena 4′ e da un perfetto cross di Nandez, Joao Pedro fa il "Pavoletti" fulminando di testa Handanovic e mimando l'esultanza del suo sfortunato compagno, che resterà fermo ai box per diversi mesi. L'Inter non si dà per vinta e Conte si gioca la carta Barella, accolto da tanti applausi dal suo ex pubblico. Ma a salire in cattedra è Sensi che al 60′ colpisce in pieno la traversa su una punizione dal limite e poi, al 69′, si guadagna un rigore con una grande piroetta in area: netto il fallo di Pisacane. Dal dischetto Lukaku - oggetto di alcuni cori poco piacevoli provenienti dalla curva dei tifosi sardi - spiazza Olsen per il nuovo vantaggio nerazzurro. Nel finale il Cagliari accusa parecchia stanchezza e non crea particolari pericoli alla porta di Handanovic, anzi, dopo l'esordio di Godin, è Politano ad andare vicinissimo al 3-1 in un paio di occasioni. L'Inter ottiene dunque un importante successo in un campo pesante e tiene la testa della classifica con Juventus e Torino, per il Cagliari prestazione in crescita rispetto a quella di una settimana fa, ma la classifica dice ancora 0 punti.

CAGLIARI-INTER 1-2 (0-1)
CAGLIARI (3-5-2): Olsen; Pisacane (74′ Castro), Ceppitelli, Klavan; Nandez, Rog, Nainggolan (85′ Cigarini), Ionita, Pellegrini; Joao Pedro, Cerri (46′ Simeone). A disp: Rafael, Aresti, Romagna, Pinna, Lykogiannis, Mattiello, Birsa, Oliva, Ragatzu. All.: Rolando Maran.

INTER (3-5-2): Handanovic; D'Ambrosio, Ranocchia, Skriniar; Candreva (79′ Godin), Vecino (69′ Barella), Brozovic, Sensi, Asamoah; Lukaku, Martinez (77′ Politano). A disp: Padelli, Berni, Bastoni, Lazaro, Dimarco, Gagliardini, Borja Valero, Esposito, Sanchez. All.: Antonio Conte.
ARBITRO: Maresca di Napoli.
RETI: Lautaro Martinez al 27′, Joao Pedro al 49′ e Lukaku (rig) al 69′.
AMMONITI: Brozovic, Asamoah, Nainggolan, Ceppitelli, Pesicane, Ionita, Ranocchia e Nandez.
ANGOLI: 5-5.
RECUPERO: 3′ e 5′.
Immagine


Avatar utente
Non connesso

Il Bianconero
Aristeo
Aristeo
Connesso: No
Messaggi: 143
Iscritto il: 25/05/2018, 14:11
Has thanked: 0
Been thanked: 7 times
Gender:
Italy

Inter Football Club Milano

Messaggio da Il Bianconero » 01/09/2019, 21:43

Complimenti all'inter, espugnare la Sardegna Arena non è mai facile... ribadisco quanto già detto, insieme al Napoli sarete le nostre antagoniste per lo scudetto... che vinca il migliore, noi ci si vede alla settima giornata a Milano ------


Avatar utente
Non connesso

skywalker
Amministratore
Amministratore
Connesso: No
Messaggi: 10971
Iscritto il: 23/05/2018, 21:10
Località: Sardegna
Umore:
Has thanked: 8 times
Been thanked: 1 time
Gender:
Zodiac:
Contatta:
Italy

Inter Football Club Milano

Messaggio da skywalker » 01/09/2019, 21:50

Il Bianconero, non ho visto ad onor del vero una grande squadra e la partita è stata proprio brutta. La manovra lentissima, se mi metto a correre rischio di correre più io di loro, considerando età e il non essere allenato. Staremo a vedere.
Immagine


Avatar utente
Non connesso

Il Bianconero
Aristeo
Aristeo
Connesso: No
Messaggi: 143
Iscritto il: 25/05/2018, 14:11
Has thanked: 0
Been thanked: 7 times
Gender:
Italy

Inter Football Club Milano

Messaggio da Il Bianconero » 01/09/2019, 21:55

Beh in Italia il 90% delle squadre gioca così (diciamo in maniera compassata e catenacciara), la Juve sta provando a cambiar marcia (e non è detto che riesca), il Napoli è discontinuo... quindi mi sembra ci siano le possibilità di un campionato più aperto quest'anno... la grinta delle squadre di Conte non la sottovaluto... comunque dici bene, come sempre sarà il campo a svelarci la verità *//*-


Rispondi

Torna a “Calcio”